Il tè delle cinque: scopriamo i principali tipi di tè e le loro proprietà

Il tè delle cinque: scopriamo i principali tipi di tè e le loro proprietà

“Vuoi che partiamo subito per la nostra avventura”, domandò Peter Pan, “o preferisci prendere il tè?”. “Prima il tè”, rispose Wendy”.
(Peter Pan)

Al secondo posto dopo l’acqua nella classifica delle bevande più consumate al mondo, c’è il tè. Da soli o in compagnia, sorseggiare una tazza di tè assaporandone l’aroma è un atto d’amore verso se stessi. Il tè, infatti, offre innumerevoli benefici per l’organismo: si parla spesso del suo potere antiossidante, per esempio.

La pianta da cui si ottiene il tè è la Camellia sinensis (cioè “cinese”), un arbusto originario del sud est asiatico, ma oggi coltivato anche altrove; tutti i tipi di tè traggono origine dalla lavorazione delle foglie, dei germogli e di altre parti di questa pianta: sono i metodi di lavorazione a differenziare le varie tipologie.

Tuttavia, non tutti i tè sono uguali:  ne esistono tantissime varietà, con caratteristiche e proprietà diverse.

 

Tè nero

Le foglie del tè nero – la varietà più diffusa a livello mondiale – vengono raccolte, fatte macerare ed essiccate, poi arrotolate e tritate. In questo modo, le foglie si ossidano: di qui il colore scuro della bevanda.

Il tè nero è la varietà che contiene la più alta percentuale di caffeina, è infatti un potente stimolante per la mente. Preziosa miniera di flavonoidi, ha proprietà antiossidanti e protettive nei confronti del sistema cardiovascolare. Pensate, il tè nero è anche un alleato dei denti: le sue foglie, infatti, sono ricche di fluoro!

 

Tè verde

Il tè verde è la seconda varietà più diffusa al mondo. Il suo colore dipende dalla lavorazione delle foglie, che non subiscono alcun tipo di ossidazione, ma vengono semplicemente raccolte, esposte al sole su superfici di bambù e infine bollite a 100° per 30 secondi.

Bere tè verde con regolarità permette di ottenere grandi benefici: oltre a stimolare il metabolismo, il tè verde contiene un’elevata quantità di catechine, la più abbondante delle quali è l’epigallocatechina gallato, con ottime proprietà antiossidanti ed antimutageniche.

 

Tè Oolong (tè verdazzurro o tè blu)

Poco conosciuto ma strepitoso per la salute, il tè oolong è una varietà semi-ossidata, a metà tra il tè verde e il tè nero. Con un’infusione di almeno cinque minuti, libera ingenti quantità di tannino, un toccasana quando l’apparato digerente è irritato.

Il tè Oolong è ricco di vitamina C, che con la sua azione contribuisce a rafforzare la microcircolazione combattendo ritenzione idrica e cellulite, mentre la presenza di clorofilla depura e contrasta il rallentamento metabolico.

 

Tè bianco

Il tè bianco si ottiene dai germogli di Camellia sinensis e deve il suo nome proprio al colore di tali germogli, che si presentano ricoperti da una leggera peluria biancastra. Varietà pregiatissima e rara, dal sapore delicato, è in assoluto la tipologia di tè più ricca di antiossidanti.

Contrariamente alle aspettative, però, una volta in infusione non è bianco, ma assume un colorito giallognolo: per godere appieno del suo aroma, vi consigliamo di consumarlo al naturale.

 

Tè giallo

Aggiungendo un passaggio alla lavorazione dei tè verdi – una breve fase di essicazione – si ottiene il tè giallo. Poco diffuso in Europa, viene coltivato e raccolto solo in alcune aree specifiche della Cina.

La dinastia Qing (1644-1911) sapeva bene quanto il tè giallo fosse pregiato, tanto da riservarne la consumazione al suo popolo, evitando di esportarlo nei paesi esteri. Questo spiega il motivo per cui è poco diffuso in occidente.

 

Tè Pu-Erh (tè rosso o postfermentato)

Il tè Pu-Erh è uno dei meno conosciuti: questo nome deriva dalla regione cinese (nella provincia dello Yunnan, al confine con Laos e Birmania) in cui le sue foglie vengono coltivate e raccolte.

Gli svariati effetti benefici hanno procurato al tè Pu-Erh la fama di Wonder Tonic e Tè medicale: oltre alle straordinarie proprietà già descritte per le altre tipologie, il tè postfermentato contribuisce a tenere sotto controllo gli zuccheri nel sangue, migliora le capacità visive e scioglie il catarro… Nel caso in cui aveste esagerato con l’alcool, provate il Pu-Erh: ritroverete vigore ed equilibrio!

 

Comprovati benefici per corpo e mente, ma anche tanto gusto: il tè è fantastico, caldo d’inverno, tiepido d’estate. Alle classiche bustine da supermercato, preferiamo il tè sfuso che si trova in erboristeria… Ambiente e palato ringraziano! E buon tè a tutti voi, amici di Zona Fit.

 

Articoli Correlati

Narratè: ingannare il tempo d’infusione leggendo una storia La nuova frontiera della cerimonia del tè? Ingannare il tempo d’infusione leggendo una storia. Si chiama Narratè ed è un progetto di Adriano Giannini, incontrato per caso tra gli stand del Salone Internazionale del Libro di Torino. Toscano di nasc...
Bevande detox: ecco tre idee semplici ed efficaci Che cosa sono le bevande detox? Il termine vuol dire disintossicare, pulire. Possiamo farlo con la dieta, magari dopo una serie di pasti molto grassi e abbondanti (post feste natalizie, ad esempio), oppure possiamo farlo aiutandoci con alcune bevande...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.